Franco Angeli - Savioli Arte
Il tuo carrello è vuoto

Franco Angeli

Thumbnail

Franco Angeli nasce a Roma il 14 maggio 1935 nel quartiere San Lorenzo. Terzo di tre fratelli, non porta a termine gli studi elementari a causa della guerra. Dopo la morte del padre, Angeli inizia a lavorare giovanissimo per provvedere alla madre malata: porta carretti al mercato, è aiuto-barbiere, lavora in una lavanderia, in un’auto tappezzeria; fa anche il carrozziere, prendendo confidenza con sagome, ritagli e stampini, che utilizzerà nelle sue opere. Angeli intraprende l’attività artistica nel 1955-1957 da autodidatta, a parte il rapporto con lo scultore Edgardo Mannucci, nel cui studio ha la possibilità di vedere i quadri di Burri.
Risente inizialmente della poetica informale, realizza tele monocrome e materiche dai toni scuri, che poi ricopre con calze di nylon strappate e lacerate, a simbolo di povertà e dolore. Angeli aderisce al Partito Comunista nella sezione di Campo Marzio e nel 1955 conosce prima Tano Festa e poi Mario Schifano; instaura con loro un profondo rapporto di amicizia le cui radici sono la stessa estrazione popolare e l’esperienza della Guerra. Verranno definiti “maestri del dolore”, gli artisti della Scuola di Piazza del Popolo, che si ritrovano intorno al bar Rosati e nelle gallerie La Tartaruga di Plinio de Martiis, L’Appunto e La Salita: tra loro Francesco Lo Savio e Pino Pascali, Jannis Kounellis e Fabio Mauri.
Angeli frequenta Guttuso e ama la pittura di Caravaggio e di Kees Van Dongen (gli dedicherà i titoli di alcuni quadri, dopo averlo visto in mostra a Ginevra nel 1976) e ha un’altra musa che è la poesia: Sandro Penna, Cesare Vivaldi, Nanni Balestrini sono suoi amici e scrivono più volte per accompagnare i suoi quadri.
Sono gli anni sessanta e una crescente attenzione per l’imagerie di massa permette ad Angeli una nuova strutturazione del reale. Utilizza immagini e simboli ideologici stereotipati, tratti dall’arredo urbano, sintetizzando il carattere retorico e celebrativo dei reperti di una Roma eterna e capitale. Il riferimento a modelli pop statunitensi, soprattutto a Jasper Johns e a R. Indiana, viene superato: Angeli estrae da quelle immagini nuovi significanti. Si tratta di simbologie ancestrali, emblemi ideologici, falci e martello, svastiche, che, in quanto storicizzati, agiscono direttamente sull’inconscio collettivo. Vivaldi dirà di lui che nei suoi quadri raffigura “non le cose, ma le lacrime delle cose” (C. Vivaldi, Galleria La Salita, cat. Mostra, Roma 20 gennaio 1960), si pensi ad opere come Testa di Lupa Capitolina del 1964 e la lunga serie degli Half Dollar del 1966-67.
Nel 1968 Angeli è impegnato sul tema della guerra del Vietnam e delle manifestazioni. Arrivano gli anni settanta e gli artisti della Scuola di Piazza del Popolo divengono isolati e “maledetti”, dediti all’uso di alcool, sostanze stupefacenti e relazioni scandalose, come quella di Angeli con Marina Ripa Di Meana. Dovrà aspettare il 1975 per trovare la sua compagna di vita, Livia Lancellotti, che gli darà nel 1976 la figlia Maria.
Negli anni ottanta Angeli è più attratto dalla figurazione e le forme divengono stilizzate, ritraendo simboli d’infanzia e obelischi, capitelli e piazze deserte.
Malato di Aids, Angeli si spegne all’età di 53 anni a Roma il 12 novembre 1988.

Cit. Archivio Franco Angeli

Franco Angeli nasce a Roma il 14 maggio 1935 nel quartiere San Lorenzo. Terzo di tre fratelli, non porta a termine gli studi elementari a causa della guerra. Dopo la morte del padre, Angeli inizia a lavorare giovanissimo per provvedere alla madre malata: porta carretti al mercato, è aiuto-barbiere, lavora in una lavanderia, in un’auto tappezzeria; fa anche il carrozziere, prendendo confidenza con sagome, ritagli e stampini, che utilizzerà nelle sue opere. Angeli intraprende l’attività artistica nel 1955-1957 da autodidatta, a parte il rapporto con lo scultore Edgardo Mannucci, nel cui studio ha la possibilità di vedere i quadri di Burri.
Risente inizialmente della poetica informale, realizza tele monocrome e materiche dai toni scuri, che poi ricopre con calze di nylon strappate e lacerate, a simbolo di povertà e dolore. Angeli aderisce al Partito Comunista nella sezione di Campo Marzio e nel 1955 conosce prima Tano Festa e poi Mario Schifano; instaura con loro un profondo rapporto di amicizia le cui radici sono la stessa estrazione popolare e l’esperienza della Guerra. Verranno definiti “maestri del dolore”, gli artisti della Scuola di Piazza del Popolo, che si ritrovano intorno al bar Rosati e nelle gallerie La Tartaruga di Plinio de Martiis, L’Appunto e La Salita: tra loro Francesco Lo Savio e Pino Pascali, Jannis Kounellis e Fabio Mauri.
Angeli frequenta Guttuso e ama la pittura di Caravaggio e di Kees Van Dongen (gli dedicherà i titoli di alcuni quadri, dopo averlo visto in mostra a Ginevra nel 1976) e ha un’altra musa che è la poesia: Sandro Penna, Cesare Vivaldi, Nanni Balestrini sono suoi amici e scrivono più volte per accompagnare i suoi quadri.
Sono gli anni sessanta e una crescente attenzione per l’imagerie di massa permette ad Angeli una nuova strutturazione del reale. Utilizza immagini e simboli ideologici stereotipati, tratti dall’arredo urbano, sintetizzando il carattere retorico e celebrativo dei reperti di una Roma eterna e capitale. Il riferimento a modelli pop statunitensi, soprattutto a Jasper Johns e a R. Indiana, viene superato: Angeli estrae da quelle immagini nuovi significanti. Si tratta di simbologie ancestrali, emblemi ideologici, falci e martello, svastiche, che, in quanto storicizzati, agiscono direttamente sull’inconscio collettivo. Vivaldi dirà di lui che nei suoi quadri raffigura “non le cose, ma le lacrime delle cose” (C. Vivaldi, Galleria La Salita, cat. Mostra, Roma 20 gennaio 1960), si pensi ad opere come Testa di Lupa Capitolina del 1964 e la lunga serie degli Half Dollar del 1966-67.
Nel 1968 Angeli è impegnato sul tema della guerra del Vietnam e delle manifestazioni. Arrivano gli anni settanta e gli artisti della Scuola di Piazza del Popolo divengono isolati e “maledetti”, dediti all’uso di alcool, sostanze stupefacenti e relazioni scandalose, come quella di Angeli con Marina Ripa Di Meana. Dovrà aspettare il 1975 per trovare la sua compagna di vita, Livia Lancellotti, che gli darà nel 1976 la figlia Maria.
Negli anni ottanta Angeli è più attratto dalla figurazione e le forme divengono stilizzate, ritraendo simboli d’infanzia e obelischi, capitelli e piazze deserte.
Malato di Aids, Angeli si spegne all’età di 53 anni a Roma il 12 novembre 1988.

Cit. Archivio Franco Angeli

Visualizzazione del risultato

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi